Discussioni sulla Storia
 

"Autorevolezza" delle fontane di sinistra.

Arduino 22 Ago 2017 16:13
(Nessun intento polemico, solo esame sugli studi storici)
Un amico mi ha inviato questo Link, molto esaustivo sul livello di
certa storiografia di estrema sinistra:
"La liberazione e la guerra dei vinti:
primavera 1945, l'ecci***** di Codevigo tra mito, memorie e storia" di
Lino Scalco" Editore: Antilia ed. 2016, Pagine 166 19 Euro.
Prima di citare la nota che voglio porre all'attenzione, voglio come
prologo porre una domanda: L'Autore fra l'altro scrive (cit.): "Tra gli
uccisi, come al
solito, c'era di tutto: chi era vissuto di ideali e chi questi ideali
aveva tradotto in potere, soprusi, violenze. I ravennati del "Cremona"
e di Boldrini ricordavano bene le gesta degli squadristi e dei fascisti
ravennati come loro: stupri, omicidi, spedizioni punitive compiuti
nella provincia di Ravenna per anni e anni, dagli albori del Fascio di
combattimento fino agli ultimi tempi."

Mi limito a domandare: E' vero che i fascisti nel ravennati per anni e
anni compirono: "stupri, omicidi, spedizioni punitive" ed In tal caso
si dovrebbe pensare che Arrigo Boldrini, Fascista ravennate e ufficiale
della milizia fosse complice, perlomeno morale degli stupratori e
assassini.
Oppure non avvenne alcun ******* tranne forse in principio, e
probabilmente alla fine e in tal caso l'autore si sarebbe inventato
costanti nefandezze per giustificare i party.
Ma ripeto, questo era solo il prologo: In una nota l'autore scrive
(cit.):
Nota 1: con la strage di Codevigo c'entrò molto di più il fatto che per
esempio secondo gli studi recenti, sia tra i partigiani della Garibaldi
sia tra i soldati del Cremona, c'erano molti originari del Ravennate i
cui familiari avevano patito in prima persona le atrocità delle locali
Brigate Nere.//
Qui mi domando e domando al Ng: Che autorevolezza si può dare a questi
studi di sinistra In cui l'autore In Una Nota Afferma: "Secondo studi
recenti, ..." Chiunque abbia minima conoscenza
storica, dovrebbe sapere che la Brigata Gordini facente parte della
XXVIII Garibaldi, inserita nel gruppo di combattimento Cremona,
Era appunto composta da partigiani Romagnoli. Perciò, che autorevolezza
Storica può avere un testo che afferma che sarebbero "recenti studi"
Ad aver scoperto che c'erano molti originari... Ovvio che essendo una
Brigata ravennate, esclusi eventuali oriundi, era Tutta composta da
Ravennati. Come ravennati erano i partigiani che raggiunsero la Gordini
per darle manforte nell'ecci*****.

--
Arduino d'Ivrea
Bhisma 23 Ago 2017 09:26
Arduino wrote:

> Mi limito a domandare: E' vero che i fascisti nel ravennati per anni
> e anni compirono: "stupri, omicidi, spedizioni punitive" ed In tal
> caso si dovrebbe pensare che Arrigo Boldrini, Fascista ravennate e
> ufficiale della milizia fosse complice, perlomeno morale degli
> stupratori e assassini.

Ma... fammi capire, Ardui', come sta sta la cosa? QUei 136 prigionieri
fascisti li fucilò Boldrini tutti da solo? Oppure, siccome Boldrini era
stato fascista nel '37 allora *tutti* quelli che li fucilarono erano
stati fascisti nel '37, eh? :-DDD

Molto semplicemente l'autore fa riferimento al fatto che la storia
locale era costellata di episodi sanguinosi da lungo tempo, che fra i
conti che i loro esecutori intendevano far pagare ai fascisti c'era
roba recente ma anche vecchia, talvolta familiare se non personale, e
che questo ebbe probabilmente un certo peso sulla strage, molto più che
quell'URSS che hai astutamente tirato in ballo tu.

Questa ovvia constatazione non può scandalizzare nessuno tranne chi
sempiternamente cerca di far passare i fascisti come angelici puri
spiriti ricolmi di bontà come te :-DDDD
Michele 23 Ago 2017 16:35
Il 23/08/2017 9.26, Bhisma ha scritto:
> Arduino wrote:
>
>> Mi limito a domandare: E' vero che i fascisti nel ravennati per anni
>> e anni compirono: "stupri, omicidi, spedizioni punitive" ed In tal
>> caso si dovrebbe pensare che Arrigo Boldrini, Fascista ravennate e
>> ufficiale della milizia fosse complice, perlomeno morale degli
>> stupratori e assassini.
>
> Ma... fammi capire, Ardui', come sta sta la cosa? QUei 136 prigionieri
> fascisti li fucilò Boldrini tutti da solo? Oppure, siccome Boldrini era
> stato fascista nel '37 allora *tutti* quelli che li fucilarono erano
> stati fascisti nel '37, eh? :-DDD
>
> Molto semplicemente l'autore fa riferimento al fatto che la storia
> locale era costellata di episodi sanguinosi da lungo tempo, che fra i
> conti che i loro esecutori intendevano far pagare ai fascisti c'era
> roba recente ma anche vecchia, talvolta familiare se non personale, e
> che questo ebbe probabilmente un certo peso sulla strage, molto più che
> quell'URSS che hai astutamente tirato in ballo tu.

E, almeno a me, pareva chiaro.
Ma quello che mi fa ridere è leggere come sempre il termine chiaramente
dispregiativo di "fontane". Quasi come se qui ci fosse qualcuno che non
usa informazioni raccolte e compilate da qualcun altro, e quindi fonti.
C'è qui chi anni addietro discettava del biennio rosso... se non si
fosse avvalso di informazioni altrui ma di ciò che aveva visto coi suoi
occhi, e fosse stato in grado di intendere a quel tempo, adesso avrebbe
circa 115 anni.
La differenza, naturalmente, è che ci sono fonti degne di rispetto:
storici affermati che insegnano storia all'università e sanno in cosa
consiste il loro mestiere; e altre fonti... meno.

---
Questa email è stata esaminata alla ricerca di virus da AVG.
http://www.avg.com
pirex 24 Ago 2017 00:19
Bhisma ha pensato forte :
> Arduino wrote:
>
>> Mi limito a domandare: E' vero che i fascisti nel ravennati per anni
>> e anni compirono: "stupri, omicidi, spedizioni punitive" ed In tal
>> caso si dovrebbe pensare che Arrigo Boldrini, Fascista ravennate e
>> ufficiale della milizia fosse complice, perlomeno morale degli
>> stupratori e assassini.
>
> Ma... fammi capire, Ardui', come sta sta la cosa? QUei 136 prigionieri
> fascisti li fucilò Boldrini tutti da solo? Oppure, siccome Boldrini era
> stato fascista nel '37


Ma fu, dal 8 settembre del '39 al 29 settembre sempre del '39,
Capo manipolo della Milizia, volontario, per ben 21(ventuno) giorni.


> allora *tutti* quelli che li fucilarono erano
> stati fascisti nel '37, eh? :-DDD
>
> Molto semplicemente l'autore fa riferimento al fatto che la storia
> locale era costellata di episodi sanguinosi da lungo tempo, che fra i
> conti che i loro esecutori intendevano far pagare ai fascisti c'era
> roba recente ma anche vecchia, talvolta familiare se non personale, e
> che questo ebbe probabilmente un certo peso sulla strage, molto più che
> quell'URSS che hai astutamente tirato in ballo tu.
>
> Questa ovvia constatazione non può scandalizzare nessuno tranne chi
> sempiternamente cerca di far passare i fascisti come angelici puri
> spiriti ricolmi di bontà come te :-DDDD
Bhisma 24 Ago 2017 09:06
Michele wrote:

>> Molto semplicemente l'autore fa riferimento al fatto che la storia
>> locale era costellata di episodi sanguinosi da lungo tempo, che fra
>> i conti che i loro esecutori intendevano far pagare ai fascisti
>> c'era roba recente ma anche vecchia, talvolta familiare se non
>> personale, e che questo ebbe probabilmente un certo peso sulla
>> strage, molto più che quell'URSS che hai astutamente tirato in
>> ballo tu.
>
> E, almeno a me, pareva chiaro.

Mi fa piacere che la vediamo allo stesso modo. Non che sia sorprendente
del resto, sono cose piuttosto evidenti che solo il persistente
tentativo di riscrivere la storia rende necessario ripetere, secondo me.

Piuttosto, visto che sei intervenuto sull'argomento, faccio una domanda
a cui da solo non saprei trovare facilmente una risposta: i decreti
CLN, compresa la condanna a morte dei ministri e dei gerarchi del
regime fascista eccetera, cessano automaticamente di avere valore
all'atto della resa?
Più in generale, il trapasso delle giurisdizioni, tra CLN, Alleati,
Regio Esercito, come avviene?
Basta il link a una qualche pubblicazione, eh, non c'è bisogno che
consumi i polpastrelli sulla tastiera.
Bhisma 24 Ago 2017 10:01
pirex wrote:

> Ma fu, dal 8 settembre del '39 al 29 settembre sempre del '39,
> Capo manipolo della Milizia, volontario, per ben 21(ventuno) giorni.

Nel 1932, era stata disposta l'obbligatorietà dell'iscrizione al PNF
per tutti i dipendenti pubblici

Nel 1933 l'obbligatorietà era stata estesa a dipendenti di enti locali
e parastatali


Nel 1938 fu disposta anche per i salariati.

Non basta questo a rendere ridicoli certi tentativi di dire "era
fascista, era fascista", a quanto pare :-D
Arduino 24 Ago 2017 14:29
Bhisma <Af.bhisma@gmail.com> ha scritto:

> Nel 1932, era stata disposta l'obbligatorietà ad iscriversi alla scuola
ufficiali della milizia e divenirne ufficiali, sicché il povero Boldrini fu
costretto a frequentarla e divenire ufficiale della milizia;(((((

--
Arduino d'Ivrea

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Discussioni sulla Storia | Tutti i gruppi | it.cultura.storia | Notizie e discussioni storia | Storia Mobile | Servizio di consultazione news.